La tragedia di Marcinelle 61 anni dopo, Cgil: “Sicurezza sul lavoro sia priorità”

La tragedia di Marcinelle 61 anni dopo, Cgil: “Sicurezza sul lavoro sia priorità”
L’8 agosto 1956, nella miniera di Bois du Cazier, in Belgio, in un rogo morirono 262 minatori, tra cui due agrigentini, partiti da Montaperto

Sono passati 61 anni dalla tragedia di Marcinelle. L’8 agosto 1956, nella miniera di Bois du Cazier, in Belgio, in un rogo morirono 262 minatori. Gli emigrati italiani erano 136, tra di loro anche due agrigentini, partiti da Montaperto: Carmelo Baio (nato il 21 novembre 1920) e Calogero Reale (nato il 27 giugno 1922). Le loro mogli (entrambe si chiamavano Maria) rimasero vedove e divennero orfani i due figli di Carmelo ed i tre di Calogero.

“Quella tragedia, anche 61 anni dopo, – dice Massimo Raso, segretario generale della Cgil agrigentina – ci parla ancora oggi, ci porta ad interrogarci su temi ancora attuali: sicurezza e dignità del lavoro,  emigrazione. Ci deve portare a vigilare sempre sulle condizioni di lavoro anche in tempi di crisi. A pretendere il rispetto delle condizioni di sicurezza. Ancora nei giorni scorsi un operaio ad Agrigento ha rischiato la vita in un cantiere. Anche quella parte di istituzioni pubbliche che debbono vigilare affinché il rispetto delle condizioni di sicurezza venga rispettato debbono fare di più. Occorre lavorare per vivere e non per morire”.

 

 

Rispondi

 
support
icon
Hai bisogno di aiuto ?
Close
call
0818718216
menu-icon
Support Ticket